Remunerazione degli Amministratori

La remunerazione degli Amministratori è stabilita dall’Assemblea degli Azionisti per ciascun Consigliere (art. 24.1 dello Statuto sociale).

I compensi aggiuntivi per i componenti dei Comitati costituiti nell’ambito del Consiglio di Amministrazione secondo quanto previsto dal Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana sono deliberati, sentito il parere del Collegio Sindacale, ai sensi dell’art. 2389, comma 3, del codice civile e dell’art. 24.2 dello Statuto sociale, dal Consiglio medesimo; il trattamento economico complessivo spettante al Presidente e all’Amministratore Delegato è anch’esso individuato dal Consiglio di Amministrazione, su proposta del Comitato per la remunerazione e sentito il parere del Collegio Sindacale.
Gli emolumenti complessivamente percepiti dal Consiglio di Amministrazione nel corso dell’esercizio sono indicati nella nota al bilancio di esercizio.

Il Consiglio di Amministrazione di Terna, nella seduta del 13 dicembre 2011, ha adottato la propria “Politica di remunerazione” in attuazione alle disposizioni dell’art. 7 del Codice di Autodisciplina, su proposta del “Comitato per la remunerazione”. In seguito all’entrata in vigore delle disposizioni regolamentari di attuazione all’art. 123 ter del TUF emanate con delibera CONSOB del 23 dicembre 2011, n. 18049 (pubblicata nella Gazz. Uff. 30 dicembre 2011, n. 303), il Consiglio di Amministrazione di Terna, nella seduta del 20 marzo 2012 su proposta del “Comitato per la remunerazione” ha approvato l’aggiornamento della Politica adottata da sottoporre al voto consultivo e non vincolante dell’Assemblea ai sensi dell’art. 123 ter, comma 6, del TUF. Tutte le informazioni sulla Politica della Società in materia di remunerazione dei componenti degli organi di amministrazione, dei direttori generali e dei dirigenti con responsabilità strategiche con riferimento almeno all’esercizio successivo e le procedure utilizzate per l’adozione e l’attuazione di tale Politica sono riassunte nella “Relazione annuale sulla remunerazione” - pubblicata da Terna in adempimento a quanto disposto dall’art. 123 ter del TUF e dalla citata delibera CONSOB che ha, tra l’altro, introdotto l’art. 84 quater al Regolamento Emittenti che sarà presentata all’Assemblea annuale degli azionisti. Nell’ambito della “Relazione annuale sulla remunerazione” sono altresì riassunte le informazioni richieste dall’articolo 7 del Codice di Autodisciplina cui TERNA ha aderito.

La “Relazione annuale sulla remunerazione”, in base a quanto previsto dalla normativa di riferimento, fornisce anche un’adeguata rappresentazione di ciascuna delle voci che compongono la remunerazione, compresi i trattamenti previsti in caso di cessazione dalla carica o di risoluzione del rapporto di lavoro, evidenziandone la coerenza con la Politica della Società in materia di remunerazione approvata nell’esercizio precedente e illustra analiticamente i compensi corrisposti nell’esercizio di riferimento a qualsiasi titolo e in qualsiasi forma dalla Società e da società controllate o collegate, in base a quanto previsto dall’art. 123 ter del TUF e dalla citata delibera CONSOB.

Nella Relazione, sono infine rese, in base a quanto previsto dall’art. 84 quater, comma 4, del Regolamento Emittenti, le informazioni concernenti i piani di compensi previsti dall’articolo 114 bis del TUF e quelle sulle partecipazioni detenute, in Terna e nelle società controllate, dai componenti degli organi di amministrazione e controllo, dai direttori generali e dagli altri dirigenti con responsabilità strategiche nonché dai coniugi non legalmente separati e dai figli minori, direttamente o per il tramite di società controllate, di società fiduciarie o per interposta persona.